Come sono fatte le candele giapponesi?

Ogni singola candlestick è costituita da quattro elementi fondamentali:

  • il real body (corpo)
  • upper shadow (linea retta che sta nella parte superiore della candela)
  • lower shadow (linea retta che sta nella parte inferiore della candela)
  • il colore della candela

Il real body della candela rappresenta la distanza tra il prezzo di apertura ed il prezzo di chiusura, identificando in tal modo ,nella maniera più concreta possibile, il riassunto della giornata vissuta dal titolo, ovvero lo spostamento effettivo dei prezzi durante le contrattazioni.

Al fine di identificare visivamente un rialzo o un ribasso del sottostante, le candele possono assumere due diverse colorazioni:

  • bianco, qualora la chiusura sia avvenuta ad un livello superiore all’apertura;
  • nero, qualora la chiusura sia avvenuta ad un livello inferiore rispetto a quello d’apertura.

L’analisi a candele giapponesi

L’analisi a candele giapponesi è un tipo di analisi utilizzatissima ai giorni nostri, grazie alla relativa semplicità concettuale che la contraddistingue, ma soprattutto, per la notevole affidabilità di alcuni segnali che da quest’ultima è possibile estrapolare per poter operare sul mercato con un minimo di cognizione di causa.

Scopo dell’analisi candlestick è quello di tracciare una panoramica di tutte le principali figure che possono portare a un cambiamento del trend in atto. Quindi o a un’inversione del trend in atto, oppure a un’accelerazione di tale trend in atto.

Per sommi capi, la struttura di un buon trattato di analisi tecnica è cosi strutturata:

1)Elementi di base

2)Elenco dei pattern di esaurimento

3)Elenco dei pattern di continuazione